Sono una Life Coach

Ho una passione smodata per il journaling e la cartoleria

Attraverso la scrittura e altre tecniche creative aiuto le persone a realizzare i loro progetti

Mi chiamo Micaela. Con ThePaperCoach ho finalmente permesso alla mia parte più creativa e sognatrice di uscire fuori e unirsi alla mia natura organizzata e razionale, per aiutare le persone a realizzare i loro progetti.

startup+creatività

Per farlo utilizzo la mia esperienza come startupper e alcune tecniche creative che agiscono come “attivatori” di idee e soluzioni innovative. Se vuoi saperne di più ti spiego tutto nella pagina “il mio metodo“.

C’è chi colleziona opere d’arte o Figurine della Panini. Io colleziono quaderni. Scrivo tanto, tantissimo – per lavoro, per studio e per piacere – e adoro la carta. Anche durante le sessioni di coaching con me ne useremo tanta!

Non ti basta? Ecco GLI EPISODI che considero tra i PIù SIGNIFICATIVI DELLA MIA VITA

  1. OCCHIALIIn quinta elementare ci vedevo benissimo, ma desideravo così tanto portare gli occhiali, che ho iniziato ad andare a scuola indossandone un vecchio paio di mia zia, di nascosto da mia madre. Lei lo ha scoperto solo quando a fine anno ho portato a casa la foto di classe, in cui indossavo gli occhiali. Da allora li considero il mio tratto distintivo.
  2. MUSICASono stata la manager di un gruppo rock. Ho organizzato concerti, seguito la realizzazione e gestito la promozione di due album (uno in studio e uno live). Per questo gruppo ho anche realizzato il mio primo sito… in Publisher (dioperdonamiperchénonsapevocosafacevo). Morale: se mi metto in testa una cosa, trovo il modo per farla.
  3. SCRITTURAHo vinto un Premio Giornalistico nazionale con un articolo sull’andamento del mercato dei surgelati. In pratica: so scrivere di qualsiasi cosa, e pure bene.
  4. STARTUPNel 2006 ho avviato da zero la mia prima startup. Cinque anni dopo è arrivata la seconda.
  5. BGINel 2013 sono stata selezionata (unica startup italiana) per partecipare al programma Building Global Innovators organizzato da MIT Portugal e MIT Boston. Lo ricordo come una delle esperienze più terrificanti e allo stesso tempo più belle della mia vita. Ho imparato a fare un elevator pitch in inglese comediocomanda (senza tra l’altro stramazzare al suolo, morta dalla vergogna, davanti a una platea di investitori).
  6. MITNel 2014 ho partecipato a un bootcamp intensivo per imprenditori alla School of Management del MIT di Boston. Anche questa volta sono sopravvissuta nonostante la mia natura introversa.
  7. CARTAHo da sempre una passione smodata per la carta e la cartoleria. Per anni ho desiderato potermi definire “una creativa”, ignorando di esserlo già. Il trucco è stato capire che la creatività è un muscolo, e come tale va allenato, altrimenti si atrofizza.
  8. ADFNel 2015 ho capito che la parte del mio lavoro che amavo di più era aiutare le persone a dar vita ai loro progetti. Ho deciso di lasciare le mie due società, ho partecipato a un Open Day di Accademia della Felicità e mi sono iscritta al Master in Coaching.
  9. OGGILavoro in Accademia della Felicità come Business Coach e Responsabile Comunicazione. E aiutando le persone a realizzare i loro progetti, ho trovato finalmente il coraggio di avviare il mio: ThePaperCoach.